NOVITA': Ti serve una consulenza rapida sui CAM, entro 2 ore? Clicca qui

Ultime Notizie mondo LEED

Cadorin ottiene la sua prima mappatura LEED per i propri pavimenti in legno

Un parquet di qualità nasce da un’attenta e accurata ricerca e selezione della materia prima: il legno.

Cadorin srl, azienda leader nel settore con sede a Possagno (TV),  è consapevole che accorciare le distanze di approvvigionamento del legno significa aiutare l’ambiente, ridurre l’impatto sul clima provocato dall’emissione di gas serra dei mezzi di trasporto, promuovere il patrimonio locale.

Per un rapporto più trasparente con il consumatore, nei propri listini Cadorin marchia con il logo “LEGNO PIU’ = KM MENO” quei listoni il cui strato nobile è realizzato con legni di provenienza ravvicinata. Nelle pagine di listino, cataloghi, depliant, web e in tutti i canali comunicativi, per ogni legno è indicata la distanza kilometrica dell’approvvigionamento allo stabilimento Cadorin.

Fra i legni contrassegnati dal logo LEGNO PIU’ = KM MENO troviamo Quercia, Pero, Castagno, Ciliegio, Olmo, Acacia, Noce, Rovere, Faggio, Larice e Abete.

La produzione di Cadorin, attenta alla salute dei propri dipendenti e collaboratori, e di conseguenza ai propri clienti vanta:

- l’utilizzo di materia prima controllata;

- l’utilizzo di adesivi privi di sostanze nocive quali la formaldeide;

- l’utilizzo di oli e cere naturali per la finitura o in alternativa vernici a ciclo all’acqua (applicati in cantiere);

- la certificazione dei listoni (a 2 e a 3 strati) FSC e PEFC;

- il recupero di legno di case e masi antiche nella linea di produzione liston Cadorin antico linea antico (riciclato post consumo) dalla struttura, alle travi portanti, ai pavimenti;

- l’utilizzo di fonti energetiche pulite e rinnovabili per la propria produzione.

Cadorin ha scelto di utilizzare per il suo ciclo produttivo, fonti di energia pulite e rinnovabili. Da una relazione tecnico-illustrativa commissionata dall’azienda ad uno studio tecnico specialistico, l’energia elettrica viene fornita da 4.000 mq di superficie di pannelli solari installati sul tetto dell’azienda che generano ben 250.000 kWe l’anno di energia solare pulita, interamente destinata al ciclo produttivo. Cadorin, con questo moderno impianto ad energia solare, contribuisce ad un risparmio di emissione di anidride carbonica nell’atmosfera (CO2) pari a 130 tonnellate l’anno.

L’energia termica è generata, da oltre 20 anni, con il riutilizzo dei residui di legno derivanti dalla produzione. Un impianto altamente tecnologico permette di produrre 3.000.000 kw annui per mezzo di un generatore di calore funzionante con gli scarti di lavorazione dell’attività stessa (trucioli), fonte rinnovabile che contribuisce ad abbattere emissioni di anidride carbonica in atmosfera per 620 tonnellate l’anno, con un bilancio finale di CO2 emessa pari a Zero.

I crediti ai quali il prodotto Cadorin contribuisce a fini LEED

Di seguito una sintesi della mappatura LEED ottenuta dall'azienda:

AREA MATERIALI E RISORSE

MR C2 - Gestione dei rifiuti da costruzione – da 1 a 2 punti

Nei confronti del prodotto in oggetto questo credito valuta il materiale di scarto e gli imballaggi in cantiere durante le fasi di posa e installazione, nella misura in cui questi vengono “deviati” dalla discarica e reintrodotti in un ciclo produttivo.

Le informazioni per il controllo dell’effettivo riciclo saranno:

• Descrizione del materiale deviato dalla discarica

• Luogo di riciclo

• Quantità del materiale riciclato o deviato

• Somma del totale dei rifiuti generati

• Somma totale dei rifiuti deviati

• Percentuale dei rifiuti deviati

Premesso che tali informazioni dovranno essere raccolte e calcolate dall’impresa di costruzione, è importante il ruolo svolto “a monte” da CADORIN che utilizza un imballo riciclabile. In particolare, CADORIN potrà fornire al committente le seguenti informazioni, condizione necessaria per il conseguimento del credito MR C2:

• In Fattura e in Bolla il peso netto e lordo del materiale trasportato (si ricava il peso dell’imballo per differenza);

• Tipologia del materiale per l’imballo.

Cadorin utilizza come imballaggi, bancali di legno con protezioni in cartone. A titolo di esempio, su 100 mq di pavimento in legno, 19 kg sono di bancali in legno, 16,5 kg di termoretraibile riciclabile, e 0,2 kg di pellicole.

MR C4 - Contenuto di riciclato – da 1 a 2 punti

Il credito in questione valorizza il riutilizzo di scarti provenienti da processi produttivi o materiali che finito il loro ciclo di vita finirebbero in discarica.

CADORIN da anni valorizza legno di recupero da masi ed edifici antichi, per ridare nuova vita a materiali che altrimenti finirebbero in discarica.

MR C5 - Materiali Regionali – da 1 a 2 punti

Le distanze da considerare secondo il protocollo LEED NC Italia, intese come il raggio tra il luogo di estrazione e raccolta e lavorazione e il luogo d’installazione (edificio) sono: e mezzo di trasporto la ferrovia o la nave.

Il contributo, concettualmente legato all’ubicazione del cantiere, va valutato caso per caso.

Si nota che i protocolli LEED US NC e LEED CI riportano un raggio pari a 500 miglia, 800 Kilometri.

Per il protocollo LEED CI si può considerare unicamente la distanza tra sede di assemblaggio e cantiere (senza considerare la provenienza dei materiali in ingresso del processo produttivo).

MR C7 - Legno Certificato – 1 punto

Il legno è materia viva, cambia di colore e dimensioni. Un tronco di latifoglia, con la caratteristica densità di dimensioni contenute impiega in media 15-20 anni per crescere. Per la salvaguardia del ritmo biologico forestale, FSC, certificando i boschi, interviene per certificare la verifica della corretta gestione forestale.

CADORIN ha ottenuto la certificazione FSC dei propri prodotti, come si può vedere al seguente link:

http://info.fsc.org/details.php?id=a024000000I4VR1AAN&type=certificate

AREA QUALITA’ DELL’AMBIENTE INTERNO

QI C3.2 - Piano di gestione della qualità dell’aria interna – 1 punto

Ad ogni nostro respiro, i polmoni immettono nell’organismo circa 1023 molecole, molte delle quali dannose.

I pavimenti CADORIN sono costruite con una grande attenzione all’emissività totale del prodotto rispetto a sostanze nocive.

Nel processo produttivo si fa utilizzo di collanti a zero contenuto di formaldeide, e di vernici a base acqua. Di conseguenza, le pavimentazioni presentano dei livelli di emissività estremamente ridotti, verificati con prove di laboratorio.

“Ad ogni nostro respiro, immettiamo nell’organismo circa 1023 molecole”

I parametri di riferimento di questo credito, come descritti nella “Opzione 2 Verifica della qualità dell’aria” rimandano allo standard ISO 16000 e riportano i seguenti limiti circa l’emissività da misurarsi all’interno dell’edificio:

  • Formaldeide 0,027 ppm
  • COV totali 500 mcg/m3

I pavimenti CADORIN possono contribuire al credito, evitando di aumentare i contaminanti nell’ambiente e quindi non compromettendo il risultato del test. Il contributo più importante però è quello che l’azienda da è alla salute dei clienti.

Di seguito i bassi valori di emissione dei prodotti CADORIN risultanti dai test allegati (laboratorio di prova: CATAS):

Prodotto*: Parquet, 16,2 mm spessore, 1,0 mq superficie

Steady state a 184 ore: A 23°C

mg/m3: 0,02

Ppm: 0,01

Parquet, 14,1 mm spessore, 1,0 mq superficie: A 23°C

mg/m3: 0,01

*Nota: Nei prodotti a 3 strati sono utilizzati collanti privi di urea formaldeide

QI C4.4 - Materiali Basso Emissivi – Prodotti in legno composito e fibre vegetali

Il requisito di questo credito richiede che nei compositi di legno non siano utilizzate resine con aggiunta di urea formaldeide. L’attenzione è quindi sulle colle utilizzate per incollare tra loro i pannelli dei diversi strati.

I prodotti CADORIN a triplo strato possono contribuire a questo credito, in quanto utilizzano collanti atossici ed esenti da formaldeide, nello specifico utilizza colle viniliche con induritore oppure colle poliuretaniche con isocianato.

Per conoscere nel dettaglio il punteggio al quale il prodotto Cadorin può concorrere, contattare la società QualityNet srl (www.quality-net.it), che ha eseguito il lavoro di mappatura.

© Riproduzione riservata